Pagine

mercoledì 22 ottobre 2008

La piadina senza glutine

Ricette senza glutine
Ingredienti x 2 PIADINE da 20 cm di diametro:
80 gr di farina senza glutine (mix B per pane)
20 gr di farina di mais consentita
1 tazzina da caffè scarsa di olio di oliva extravergine (oppure 20 gr di burro o strutto)
2 pizzichi di sale fino
1 tazza da tè di acqua tiepida (meglio se leggermente frizzante)
2 pizzichi di bicarbonato di sodio
Se vogliamo, possiamo aggiungere un pò di rosmarino tritato (solo se fresco)





La piadina ha orgini antiche. Io l'adoro ed è una delle cose che mi mancava da quando sono a dieta senza glutine.
Ora la faccio a casa.

Quella che faccio è molto buona, ha un sapore molto simile all'originale fatta con il grano.

Si può può fare anche solo con la farina di mais e la ricetta originale prevede lo strutto di maiale.
Tuttavia con la farina senza glutine è più consigliato usare l'olio di oliva e aggiungere la farina del mix B per pane.
Il burro può essere un valido sostituto ma solidifica velocemente e rende la pasta difficile da lavorare. Per la farina senza glutine è più indicato l'olio.
Preparazione:
Versare la farina bianca e quella di mais nel piano di lavoro (di legno o marmo) formando un cumulo. Ovviamente se avete a disposizione una macchina per impasti utilizzarla alla minima velocità.

Nella tazza da tè di acqua tiepida sciogliere i pizzichi di sale e di bicarbonato.


Versare l'olio in mezzo alla farina e cominciare a mescolare.
Aggiungere l'acqua tiepida con il sale e il bicarbonato formando un panetto morbido ed omogeneo.
Non è una pasta semplice da lavorare, ci vorrà un pò di pazienza, ma non va lavorata per molto tempo.

Non necessita di lievitare e va spianata subito. Specie se avete usato il burro.

Per fare le piadine suddivete in due il panetto. Utilizzate un pò di farina per metterla sotto il panetto e sul mattarello e fate due sfoglie molto sottili cercando di mantenere una forma arrotondata. Aiutatevi con una rondella per tagliare le parti di pasta irregolari (i pezzi di pasta in potranno servire ad aumentare il panetto successivo).

Con una spatola scollate dal piano di lavoro la piadina. Scrollatela delicatamente dalla farina. Non ne deve contenere affinchè la cottura risulti omogenea.

Per la cottura, io utilizzo le padelle antiaderenti che si usano per la frittata. Quelle che vanno a coppie e che consentono di girare la frittata senza farla attaccare al soffitto. Mi trovo benissimo.

Ma se preferite e l'avete a disposizione, utilizzate la pietra refrattaria di cottura per le pizze di alcuni fornetti.

Se utilizzate la padella antiaderente, mettete un goccio di olio di oliva distribuendolo nella padella e, a fuoco vivo, scaldate bene prima di metterci la piadina, aiutandovi con la spatola e un grosso coltello. Appena su fuoco la piadina comincia a formare le classiche bolle. Rompetele delicatamente con una forchetta o con il coltello.

Quando vi accorgerete che la piadina è cotta nella parte inferiore, giratela con la spatola o con la seconda padella.

La piadina va cotta bene, in poco tempo e mangiata calda.

Noi la mangiamo con il prosciutto crudo e stracchino (io pendo 3 pastiglie di tilattasi per digerire lo stracchino) ma se fatta con l'olio è un alimento senza glutine e senza lattosio o uova e si può mangiare con verdure lesse, pomodoro o con altro condimento.

0 commenti:

Posta un commento

ATTENZIONE: I commenti sono sottoposti a moderazione. Pertanto non verranno pubblicati immediatamente, ma solo dopo la loro validazione.